martedì 20 ottobre 2009

LODO SI..LODO NO...L'OFFENSIVA DELL'ALTRA BORGHESIA

Nei giorni scorsi, la Corte Costituzionale si è pronunciata sul cosiddetto lodo Alfano,che tanto ha fatto discutere e acceso il dibattito politico in Italia. Ma chiediamoci che cosa sta davvero succedendo in Italia in questo momento. In pochi giorni sono arrivate le sentenze sul Lodo Alfano, sul lodo Mondadori (il giudice che ha emesso la sentenza è stato promosso al massimo grado possibile per un giudice) e sono venute fuori dopo anni persone, che parlano dei mandanti occulti delle stragi del '92, dove tra l'altro furono indagati Marcello Dell'Utri e Silvio Berlusconi.

Proprio quest'ultimo parla di "giustizia ad orologeria", di "complotto della sinistra", e ragionandoci su gli si potrebbe dare anche ragione. Ma perchè? Non perchè il presidente del consiglio sia un angioletto immune da peccato o perchè ci sia un complotto bolscevico, bensì per un altro motivo. Il Berlusconi, anche se grosso imprenditore,raccoglie consenso dai rappresentanti della piccola e media impresa. Chissà se qualcuno ricorda quel famoso convegno di Confindustria dove le prime file fischiavano e le altre applaudivano il discorso, anzi più che altro l arringa di Berlusconi. Ecco, nelle prime sedevano i Della Valle, Marco Tronchetti Provera, Vittorio Merloni, Emma Marcegaglia, Andrea Riello, Sergio Marchionne, Andrea Pininfarina e via via tutti i pezzi grossi del capitalismo italiano, mentre in quelle più indietro i piccoli e medi imprenditori.

Ora evidentemente Berlusconi sta deludendo profondamente le aspettative di quella parte di elite borghese che controlla una parte dello stato e da qui questi duri colpi che sta ricevendo. Dobbiamo pensare che le istituzioni hanno sempre funzionato non da garante, bensì da timone della borghesia, e oggi una parte di essa è scontenta e fa guerra all'altra. Potremmo dire che il PdL rappresenti la parte oscura della borghesia, per capirci quella dei rapporti con la mafia, degli inciuci e dei piccoli capitalisti.

Dall'altra parte invece c'è quella che comanda il PD delle facce pulite, della lotta alla mafia, della difesa del falso mito della democrazia, di "sinistra"...In tutto questo, viene fuori una situazione in cui vi è una guerra tra due parti borghesi che vogliono avere in mano il controllo del capitalismo italiano che loro stesso rapprentano. Allora a questo punto chiedo a chi ha avuto la pazienza e la voglia di leggere queste righe...ma se in guerra ci sono due parti della borghesia, che si giocano il potere, alla fine chi può vincere la battaglia??....sicuramente non il popolo.

4 commenti:

  1. http://www.facebook.com/home.php#/video/video.php?v=1069850206678&ref=nf

    RispondiElimina
  2. OOPS! Ho postato un commento all'articolo sbagliato!!!

    RispondiElimina
  3. Mah indubbiamente il popolo è semplice spettatore di questo tipo d battaglia,il problema è ke gran parte di esso si lascia influenzare dai media.
    E ki controlla l informazione in italia?!?
    Perciò il berlusca ha davvero poco di cui lamentarsi...Sicuramente De Benedettis nn sarà un angelo...ma ke goduria aver ripagato con la stessa moneta quel pirla bauscia del nostro carissimo presidente del consiglio..
    Quindi caro Silvio invece di fare il figo cn le 18enni napoletane sborsa i 750milioni e stai zitto... IVO

    RispondiElimina
  4. Riflessione chiara e interessante

    RispondiElimina